lunedì 26 novembre 2012

Taralli napoletani 'nzogna e pepe



piatto de La fabbrica della ceramica

E' passato più di un mese dal mio ultimo post ed è d'obbligo per me ripartire con un omaggio ad un prodotto che io, con Fabio ed anche Annalù (che ci ha comunque aiutato nell'ideazione dell'evento, anche se poi non è potuta essere con noi a Torino), del blog Assaggi di Viaggio,  abbiamo voluto proporre, il mese scorso, al Salone del Gusto di Torino, grazie alle degustazioni regionali, organizzate dal pastificio Garofalo e da Gente del Fud. Noi eravamo presso lo stand Slow food della Campania a presentare la mozzarella di bufala, in collaborazione appunto con il consorzio. Uno dei modi in cui abbiamo deciso di far assaggiare la mozzarella è stato proprio in abbinamento al tipico tarallo napoletano sugna e pepe. Ecco qui una foto, una meraviglia no? ;-)


Insomma, tornata a casa, grazie anche alla curiosità della mia "nuova" amica Milena del blog La Scimmia cruda (conosciuta grazie a questa fantastica esperienza di Torino), abbiamo deciso di prepararli "insieme", se pur  trovandosi lei in quel della Toscana ed io di Napoli ;-) Tengo a precisare che, non avendo alcuna ricetta "collaudata" cui fare riferimento, mi sono affidata al web (precisamente al sito del tarallo)...ed il risultato è stato buono, per essere la prima volta :-) Provate a farli anche voi, tanto la sugna (o strutto) lo potete trovare  anche nei supermercati.

Ingredienti per 14 taralli di media grandezza:

- 500 gr di farina 00;
- 1 cubetto di lievito di birra;
- 160 gr di sugna;
- 100 gr. di mandorle;
- 1 cucchiaino e mezzo di sale fino;
- 1 cucchiaino e mezzo di pepe nero macinato fresco (ma anche due, dipende dai gusti);
- acqua q.b.

Preparare il lievitino con 100 gr. circa di farina e il lievito di birra sciolto in poca acqua. Impastare, coprire e mettere a lievitare per circa 2 ore o comunque fino a quando non abbia raddoppiato il volume. Triturare mezza dose di mandorle (non lasciate pezzi troppo grossi altrimenti avrete difficoltà nella formazione dei taralli). Passate le due ore, sulla spianatoia (o nella planetaria, ancora meglio), mettere il resto della farina, il lievitino, la sugna, le mandorle tritate, il sale, il pepe ed impastare per almeno dieci/quindici minuti, eventualmente aggiungendo un po' di acqua.  Non appena l'impasto è bello liscio, iniziare a staccarne un pezzo con cui formare dei cordoncini di circa 15 cm di lunghezza e dello spessore di un mignolo. Prendere quindi 2 cordoncini, attorcigliarli insieme, dargli forma tonda, chiuderli e posarli su una placca da forno ricoperta di carta da cucina. Aggiungere sopra qualche mandorla intera. Far lievitare ancora per un'oretta.

Quindi infornare a 200° (con forno già a temperatura) per 20 minuti e poi a 180° per altri 20/25 minuti. Ovviamente i tempi  dipendono anche dalla grandezza e dallo spessore dei vostri taralli.

Mangiateli tiepidi, accompagnati da una buona birra ghiacciata,  magari davanti a questo splendido panorama ;-) Niente male eh?

foto scaricata dal web 
Bene, augurandovi Buonumore in Cucina vi aspetto alla prossima :-)
Con affetto
Rosalba

28 commenti:

  1. cara Rosalba è stato bello conoscerti a Torino e ancora di più condividere questi taralli a distanza :)
    spero davvero che ci sia presto una nuova occasione per abbracciarti di persona!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e noi "organizziamo"....un'occasione ;-) Bacio MIle!

      Elimina
  2. buonasera mon chou!
    questi taralli sono favolosi e quella sugna gli conferisce un sapore fantastico! :P
    un abbraccio forte forte!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. MI MANCHIIII!!! Presto verrò a Salerno per le luci di Natale....sappilo ;-))

      Elimina
  3. Ciao compagna di merende torinesi :-)
    Hai fatto benissimo a provare a fare i taralli e devo dire che per essere la prima volta il risultato è ottimo. E' stato un piacere condividere con te questa esperienza.
    Un abbraccio.
    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fabio, davvero sono venuti buonissimi ;-) L'unica cosa che alcune mandorle di copertura, essendosi bruciacchiate sono diventate amare: ma qui le hanno mangiate lo stesso ;-))
      Un abbraccio a te e dolce consorte

      Elimina
  4. Li ho assaggiati con gusto...erano favolosi...un abbraccio. Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-)) ma i miei sono più buoniiiii....magari!

      Elimina
  5. Ciao Rosalba...mi segno subito prima di dimenticarmene questa ricetta nel mio file di Natale...Sto cominciando ad accumulare spunti e idee ma quiesti taralli so già che li farò! Troppo intriganti
    un saluto,
    simo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simo provali, sono facili e squisiti :-)

      Elimina
  6. quanto mi piacciono Rosalba, li faccio presto, sono stupendi fatti benissimo...un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tam cara, sono davvero buoni, belli magari un po' meno, almeno i miei :-)
      Un abbraccio a te.

      Elimina
  7. non conoscevo questa ricetta, m'ispira molto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Franci magari puoi provarla con farina di kamuted olio, chissà! Magari ci provo pure io :-)

      Elimina
  8. carissima Rosalba...li ADORO, mi tentano molto ma non facilmente trovo la sugna, so che con il burro non saranno mai uguali :) pero' ora nel caso ho la ricetta grazie a te!

    un'abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pat io li ho mangiati anche fatti solo con l'olio di oliva, certo sono molto più croccanti e li conservi per massimo un paio di giorni...ma si può fare, a questo punto li dovrai chiamare taralli olio e pepe ;-))
      Un abbraccio forte

      Elimina
  9. non li ho mai mangiati ma devono essere gustosissimi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora dovrai venire a Napoli al più presto!!! :-)
      Grazie per essere passato

      Elimina
  10. bentornata, questi taralli sono strepitosi, non conoscevo questa ricetta, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  11. Finlmente ti sei decisa di tornare...!!! E poi con questi taralli super-stra-buonissimi...!! Sono anche molto belli..mi sembrano perfetti ! Ma tutti questi sulle foto sono il frutto delle tue manine, no? Al mercato da me a Roma il sabato viene un signore e porta i taralli che assomigliano tantissimo a questi solo che i suoi al posto della mandorla sopra hanno i mini dadini di pancetta...mica male !
    Un bacione,
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marina, a dire il vero mi ha aiutato la mia mammina....83 anni e tutta un pepe, più dei taralli! La amooooo!!! Beh, con la pancetta pure saranno buoni...poi però, tra sugna, pancetta e pepe meglio stare lontano da analisi mediche ;-)
      Mo' vengo da te ;-)

      Elimina
    2. Che mamma però !!
      Beh...le analisi mediche si fanno una volta tanto e i taralli mica li mangi 30 alla volta...infatti, la pancetta è assolutamente inutile... Anche mia mamma (80) si mette ancora in cucina e non si risparmia..l'unica cosa che poi deve riposare per tre giorni !

      Elimina
  12. Estupenda receta me gustaría hacerlos lucen muy deliciosos,abrazos y abrazos.

    RispondiElimina
  13. Perfetti ..brava
    ciao :) un abbraccio

    RispondiElimina
  14. taralli sugna e pepe abbinati alla mozzarella di bufala, niente male come idea

    RispondiElimina
  15. Grazie per gli auguri, ricambio augurandoti tanta serenità e tutto quello che desideri nell'anno che verrà per te e i tuoi cari.....e un po che non passo dai blog e cosa vedo i taralli, segno la ricetta,li volevo fare ma non avevo una ricetta che mi allettasse.La tua mi piace ,per essere stata la prima volta che li fai hanno una bellissima faccia, proverò a farli e ti farò sapere, ancora auguri, baci, baci!!!

    RispondiElimina
  16. dopo tanto, tantissimo tempo, sono riuscita anche io a pubblicarli :)
    vienimi a trovare!!!
    un bacino

    RispondiElimina