sabato 9 aprile 2011

Scarole ricce ripiene, ricetta campana

Per festeggiare questi 150 di Unità di Italia abbiamo ripreso a preparare molte ricette tipiche regionali, a volte anche  un po' dimenticate. Io l'altro giorno ho visto queste belle "scarole ricce" per noi napoletani, "indivia" per il resto del mondo ;-). Mi è subito tornato alla mente quando, alla vigilia di Natale, nonna le preparava, pur sapendo che, per noi piccini, non era proprio piatto preferito (verdura...brr!!): ma la tradizione non si poteva discutere! Ebbene, della serie come si cambia, io oggi potrei mangiarne in quantità illimitata tanto mi piace!! Peccato non ci sia più la adorata nonna a potermi guardare, di sicuro direbbe: "te l'avevo detto io che erano buone, no?"

Ingredienti x 2

-     2 scarole ricce piccole e tenere (potete usare anche le scarole lisce, dopo averle pulite però   dovrete farle bollire qualche minuto in acqua calda);
-     Olive di gaeta;
-     Capperi medi dissalati;
-      Pinoli:
-      Uvetta;
-       2 alici sottosale;
-       Aglio;
-       Olio d’oliva



Togliete le foglie esterne e il torsolo superiore della scatola. Apritela bene e lavatela (facendo attenzione a non romperla) sotto acqua corrente. Mettetela a scolare per togliere l’acqua in eccedenza, quindi cercate di asciugare, con un canovaccio pulito, il più possibile.
Mettete un po’ in ammollo in acqua tiepida l’uvetta. Pulite le alici  e fatele a pezzetti. Tritate l’aglio (senza l’anima), le olive e i capperi dissalati. Unite al trito le alici in pezzi e l’uvetta strizzata bene.
Aprite le scarole e mettete nel centro il ripieno. Chiudete, facendo attenzione a non far fuoriuscire il composto. Legatele, ben strette, con uno spago da cucina.



 Mettete un poco d’olio d’oliva in un tegame e fate soffriggere, per poco, un aglio e un po’ di peperoncino. Adagiateci le scarole e fate cuocere, a fuoco basso, girandole su tutti i lati.



Aggiungete mezzo bicchiere di acqua, mettete un coperchio e fate cuocere per 20 minuti circa.


Vi consiglio di servirele tiepide, sì da poterle assaporare al meglio.



...e questo è quanto......buon appettito e buonumoreincucina a tutti!

Alla prossima,
Rosalba

con questa ricetta partecipo al contest di Ramona di Farina Lievito e Fantasia  -  150 anni in tavola
http://farinalievitoefantasia.blogspot.com/2011/03/contest-150-anni-in-tavola.html


10 commenti:

  1. è un modo stupendo di cuocere la scarola, l'ho fatta una volta e l'ho trovata gustosa e originale, poi l'ho dimenticata come succde a tante ricette, adesso ci riprovo..

    RispondiElimina
  2. Che modo originale di cucinare la scarola...deve essere buonissima!

    RispondiElimina
  3. Ci si potrebbe bere su uno Chardonnay Kreuth 2008, Cantina di Terlano. Succoso e floreale quanto basta (ma non tanto da diventare una parodia di Chardonnay, sicilia docet) per accompagnare la dolcezza e succosità della scarola, ma anche sufficientemente minerale e salino per contrastare la dolcezza dell'uva passa. Intorno agli 11-12 euro in enoteca.

    RispondiElimina
  4. @ Marjlou: chi le ha provate le ha gradite molto! Grazie.

    @ Tamara: anche io era da tanto che non la cucinavo. A volte ci dimentichiamo quasi delle ricette più antiche...;-)

    @ Vale: grazie!

    @ Lucio: uhaooo che bella sorpresa!! Grazie grazie!! Appena finisco la dieta, preparerò ancora questa ricetta e questa volta la potrò accompagnare con il vino giusto, Chardonnay...poi...adorooo. :-)

    RispondiElimina
  5. Una gustosissima e originale ricetta, complimenti, un bacione

    RispondiElimina
  6. Sicuramente buonissime..da provare..

    RispondiElimina
  7. @ Lady: grazie, di cuore :-)

    @ La magica Zucca: grazie mille! prima di tutto, piacere di conoscerti e poi grazie per esserti unita ai mie sostenitori. Verrò a trovarti anche io prestissimo!

    RispondiElimina
  8. Da buona Campana le adoro.
    Mi sembra di sentirne il sapore.....
    Baci carissima.

    RispondiElimina
  9. Una bella ricetta tradizionale, ciao

    RispondiElimina